lunedì 24 ottobre 2011

Aaaah siete stati fortunati !!!

di Andrea

Avete assoluto bisogno di riparare il vostro garmin forerunner 305 affetto da batteria guasta o buzzer muto? Bene! vi darò delle dritte seguite da qualche foto, più lo schema (eventualmente decidiate di asportare i contatti a perno) su come collegare i fili senza la piastrina che troverete in alto al centro(interfaccia i 4 terminali del guscio inferiore alla motherboard dello strumento tramite contatti a perno) quando smonterete il vostro G.F.305. Ecco l’occorrente per tutta l’operazione : 

                            








Fig.1. Occhiali per lavorare sui contatti         Fig.2. Cacciaviti per operazioni varie.

Ø      Un saldatore punta piccola con termostato
Ø      Colla a scelta (sconsiglio attack o simili)
Ø      Treccia multicolore sez.0.10mm circa(ho utilizzato i poli di un cordoncino usb)
Ø      Trapanetto 9V (quelli per piccole applicazioni) con punta da 1mm
Ø      Nastro adesivo trasparente
Ø      Pinzette a molla
Descrizione operazione (1)
Ø      Il garmin forerunner 305 non ha viti di fissaggio.
Ø      Individuare le parti da disunire,le ho evidenziato con le frecce.(Fig.3) 
Ø      Provare prima con le sole unghia.
Ø      Passare ad un piccolo cacciavite (attenti a non rovinare i gusci).                                                   




                                                                         Fig.3




                                                                           Fig.4
                      

Descrizione operazione (2)
Per semplificare vi mostrerò la sola fig.4 che riassume tutte le operazioni effettuate.
E’ in sostanza il risultato che dovrete ottenere a lavoro finito.(Solo nel caso di asportazione dei contatti a perno).
Ø      La freccia n°1 indica la posizione dei contatti a perno che troverete una volta aperto il vostro garmin.Questi li dovrete attentamente rimuovere compresa la cornice di materiale plastico di colore nero che ricopre i contatti sul circuito stampato.(Tengo a sottolineare che l’operazione di asportazione dei contatti a perno è a vostra completa valutazione.Se questi infatti  non risultassero usurati o spezzati non vanno assolutamente rimossi, ma regolati (ATTENZIONE I CONTATTI A PERNO SONO DELICATISSIMI!!!!)  per consentire un miglior contatto con la piastrina(vi aiuterete con un piccolo cacciavite). La freccia n°2 indica la posizione della piastrina (la piastrina compresi i contatti a perno,non sono ovviamente presenti in Fig.4, essa mostra soltanto ciò che otterrete a lavoro finito, rimovendoli ).
Ø      A questo punto avrete tutto sotto occhio: non dovrete cioè far altro che staccare la batteria che è fissata col biadesivo al guscio inferiore del garmin e sostituirla (verificate l’efficienza con un tester). A me per esempio la batteria era buona, il problema era un contatto a perno spezzato).
Ø      Nel caso la vostra attenzione fosse rivolta al solo buzzer: staccando la batteria lo avrete subito raggiunto. Dissaldato, potrete immediatamente sostituirlo.(difficilmente troverete in commercio questo componente. (Io ho utilizzato il cicalino contenuto nelle cartoline musicali,quelle che si usano per i compleanni. Sono  più larghi ma vanno bene lo stesso.) Dimenticavo! i forellini sottostanti al buzzer preesistente, chiudeteli con la colla, sono responsabili per l’80% di malfunzionamenti del garmin.(Fanno penetrare acqua e  sudore). Consiglio quest’ultima operazione anche nel caso si voglia tenere il buzzer originale montato. Addirittura suggerisco a chi non abbia la minima intenzione di smontare il garmin, perché nuovo o ancora funzionante, di apporre una sottilissima striscia di nastro adesivo trasparente al di sotto del guscio(quello a contatto con il polso ovviamente),sui suddetti forellini. Aumenterà la durata e l’efficienza del garmin,lasciando invariata la funzione del buzzer.
Ø      Potrete ora  richiudere il tutto con della colla, non utilizzate attack e suoi derivati, questi rovinerebbero la pochissima superficie d’incollaggio a disposizione, non permettendo più, un possibile ulteriore smontaggio. Ho usato una bicomponente (Fig.5). Spalmatela uniformemente su tutto il perimetro scanalato del guscio, aiutandovi con un cacciavite(non abbondate, il prodotto potrebbe finire sui pulsanti limitandone il funzionamento). Inutile aggiungere che le superfici da incollare andranno accuratamente pulite. Queste precauzioni sono regolate da principi del buon senso.(se tutto è ben fatto dovrete constatare,il perfetto accoppiamento dei gusci).     
Ø      Con delle pinze a molla, lasciate il tutto riposare per 24 ore. (ig.6)       












       Fig.5                                                                                            Fig.6
   
   Passiamo ora,  alla terza ed ultima operazione
Ø      Eseguire il primo capoverso della operazione (2) fino a “…circuito stampato.”
Ø      Togliere la piastrina ,e con il trapanetto asportare quanto più materiale possibile(non però la colla che tiene fermi i 4 terminali),nel vano ricavato, inserirete i poli saldati.       
Ø      Effettuate il collegamento,utilizzando gli occhiali (Fig.1) tra i 4 terminali e il motherboard, seguendo lo schema elettrico che proporrò in seguito (Fig.7). Utilizzate poli con diversi colori, per non confondervi. Attenzione alla batteria : polo rosso per il positivo (+) polo nero per il (-) un inversione di polarità potrebbe danneggiare irrimediabilmente il vostro G.F.305).
Ø      Eseguite i collegamenti  più corti possibili,viceversa rischierete di non far combaciare i gusci all’atto dell’ incollaggio.
Ø      Lo stagno dev’essere di diametro 1mm o comunque più piccolo possibile.(non sostate sui 4 terminali durante la saldatura, potreste fondere il guscio).
Ø      Ora potete tirare un sospiro di sollievo, perché dovrete soltanto far entrare i poli nel vano su accennato e far combaciare bene i gusci.
Ø      Eseguire rispettivamente capoversi : 4 e 5 dell’operazione (2)
Ø      Un’ultima cosa: VERIFICATE IL CORRETTO FUNZIONAMENTO!!!
 
 


Schema di collegamento.



Fig.7
  
 ATTENZIONE!!! Errata corrige: Il negativo del buzzer va collegato al pin 6 (mother board).           


Questo blog tratta argomenti nel settore hobbistico/sperimentale, pertanto “Mie Soluzioni” non si assume responsabilità per eventuali malfunzionamenti, danni e usi impropri del materiale trattato.
                               

Nessun commento:

Posta un commento